Follow us on:

11 May 2021 / 2 minuti di lettura

Lucchini, la Ferrero e i noccioli in Georgia

Da pochi mesi è entrato a pieno regime un progetto, partito nel 2018, che Idromeccanica Lucchini ha sviluppato in Georgia. L’impianto serricolo oggetto dell’intervento, riguarda la coltivazione delle nocciole destinate all’industria dolciaria. 

Alti standard qualitativi

Le nocciole, lavorate dalla sede Georgiana della Ferrero, per volontà della stessa multinazionale, devono essere coltivate nella zona dove verrà trasformato il prodotto finito. Questa filosofia “local for local”, infatti, rende necessaria la produzione e la lavorazione delle nocciole in un unico sito. Le piantine, fornite dall’azienda italiana, sono uguali in tutti i Paesi dove Ferrero ha una succursale, in modo da ottenere un prodotto con gli stessi altissimi standard qualitativi in ogni parte del mondo.  

Le peculiarità del nocciolo

Il nocciolo è una pianta che inizia a produrre dopo 3 – 4 anni dalla nascita. La produzione del frutto procede poi per circa 40 anni. Le particolari condizioni climatiche della Georgia rendono complessa la sopravvivenza delle piante nelle prime fasi della loro crescita ed era quindi necessario progettare un impianto di serre che consentisse ai giovani noccioli di crescere al riparo, per poi essere trapiantati successivamente nei frutteti in collina. Il vivaio georgiano è localizzato nella città di Zugdidi, non lontano dalle coste del Mar Nero, ed è proprietà dell’azienda Agrigeorgia.

L’intervento

Dopo alcuni incontri con la Direzione Italiana, Idromeccanica Lucchini ha studiato una struttura pre vivaio per la crescita delle piantine di nocciolo. L’idea è stata quella di utilizzare una versione modificata e personalizzata della serra Atlantic TS, che è stata alzata per ottenere una maggiore volumetria d’aria con una temperatura più stabile all’interno della serra. Date le condizioni climatiche estreme, era infatti necessario un volume d’aria che risentisse in misura minore delle variazioni termiche del territorio. Alla serra è stata applicata una copertura con un telo a luce diffusa per evitare eccessiva insolazione, adatto anche a sfruttare al meglio la luce scarsa nelle stagioni più fredde. Grazie alle proprietà di questo telo, la luce viene diffusa in maniera più omogenea. Alla serra è stata aggiunta inoltre una copertura in rete per limitare l’eccesso di irradiamento solare che consente il passaggio di luce necessario per la prosperità e la crescita del nocciolo. Come primo intervento sono state realizzate 18 serre con una capacità di 5.000 piante di nocciolo per serra. Il totale di 90.000 piante consente una densità di 18 piante per metro quadrato. 

Irrigazione e aerazione

La crescita delle piantine di nocciolo in serra è una sfida che presenta diverse difficoltà: 

La lunga permanenza delle piante in serra prima di poter essere trapiantate nel frutteto 

La necessità di ottenere piante uguali tra loro e con lo stesso potenziale

La necessità di preservare le piantine da agenti patogeni e agenti esterni

Lo scarso spazio a disposizione per ogni pianta

Per risolvere tutti queste criticità i tecnici e gli agronomi di Idromeccanica Lucchini hanno disposto metodicamente le piante in modo da conferire loro uno spazio vitale adeguato. Le piante sono state poste in sacchetti di plastica dotati di un gocciolatore per sacchetto per portare acqua e nutrimento. I noccioli vengono così alimentati in modo omogeneo e con uno standard calibrato e preciso, attraverso una condotta che dal pozzo arriva a ogni singola pianta. Per evitare la formazione di funghi e per garantire la massima aerazione, le serre Atlantic TS sono state fornite con aperture laterali e frontali. Inoltre in estate è possibile aprire totalmente le serre trasformandole in una sorta di net house.

Un progetto curato in ogni dettaglio

Data la difficoltà della sfida, Idromeccanica Lucchini ha curato il progetto sia dalla casa madre, sia dalla sua divisione locale situata in Georgia. La squadra Lucchini, dislocata in loco per oltre tre mesi, si è occupata anche della costruzione della serra dalle fondazioni fino alla pompa dell’acqua. Progettazione, scelta dei materiali, costruzione e logistica sono state curate scrupolosamente da Idromeccanica Lucchini per riuscire a portare a termine un intervento complesso che già sta portando i primi frutti.

L’esito del progetto

Arrivati ormai alla terza stagione, la serra ha ottenuto referenze molto positive, tanto che già si sta pensando ad ampliamenti. Una installazione serricola simile è già stata messa in opera anche in Kirghizistan e ulteriori interventi basati su questo progetto

Cesare Ghizzi Sales Manager
Idromeccanica Lucchini
#HASHTAG
nocciole industri dolciaria
Follow us on

Headquarter

Via Cavriana, 4B, 46040
Guidizzolo MN - Italy

Email

info@lucchiniidromeccanica.it

Telefono

+39 0376 818433 / +39 0376 846604

Orari

Lunedì a Venerdì
8,00/12,00 - 13,30/17,30

Richiedi un preventivo

Il nostro staff ti ricontatterà entro 48h

* obbligatorio